Contattaci Ora
Clicca Qui

Il Caso Fallimento e Decesso

Il Caso Fallimento e Decesso

Dopo aver trattato negli scorsi articoli i vari aspetti del Leasing Immobiliare Abitativo: cos’è, a cosa serve, chi può utilizzarlo, le agevolazioni e così via, terminiamo col vedere cosa succede nel caso di Fallimento del venditore/costruttore o della società di leasing e nel caso del Decesso dell’Utilizzatore.

Fallimento del venditore/costruttore

In caso di fallimento del venditore/costruttore, ossia del soggetto che ha venduto al concedente l’abitazione poi messa a disposizione dell’utilizzatore, l’immobile così acquistato non è soggetto a revocatoria fallimentare.

Tenuto conto che il contratto di leasing è finalizzato a procurare all’utilizzatore il godimento di una casa che egli intende destinare ad “abitazione principale”, è ragionevole applicare il disposto della legge fallimentare, secondo il quale sono sottratte alla revocatoria fallimentare le vendite, concluse a giusto prezzo, aventi a oggetto immobili ad uso abitativo, destinati a costituire l’abitazione principale dell’acquirente o di suoi parenti e affini entro il terzo grado.

Fallimento della società di leasing

In caso di fallimento della società di leasing (ovvero liquidazione coatta amministrativa-risoluzione), il contratto di leasing prosegue regolarmente e si applica la disciplina prevista per tale ipotesi dalla legge fallimentare a prescindere dal tipo di bene oggetto di leasing; pertanto il contratto prosegue e l’utilizzatore conserva la facoltà di acquistare alla scadenza del contratto la proprietà del bene, previo pagamento dei canoni e del prezzo di riscatto. In pratica nessuna conseguenza negativa si produce a danno dell’utilizzatore in caso di fallimento del concedente.

Decesso dell’utilizzatore

Gli eredi subentrano nell’intera posizione giuridica del defunto e quindi, nel caso in cui quest’ultimo abbia stipulato un leasing immobiliare abitativo, nel contratto di locazione finanziaria. Ciò comporta l’assunzione di tutti i diritti e gli obblighi discendenti, salvo diversa ipotesi espressamente contenuta nel contratto di leasing sottoscritto dall’utilizzatore deceduto che faccia scaturire dal decesso lo scioglimento del rapporto.

BENE!

Per oggi ci fermiamo. Nei prossimi articoli tratteremo altri importanti aspetti legati agli ” Immobili”. Continuate a seguirci!

VI ASPETTO!

Nel caso aveste dei quesiti da porre non esitate a contattarci. Compilate il seguente Form e premete il tasto Invia.

Vi risponderemo Gratuitamente!

Potete trovare tutti gli articoli pubblicati sulla nostra: PAGINA DEL BLOG.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*