Contattaci Ora
Clicca Qui

Interventi sulle Coperture degli Edifici in Muratura

Interventi sulle Coperture degli Edifici in Muratura

Un Ultima Cosa da Fare per Rinforzare un Edificio in Muratura al Terremoto: Cordoli, Irrigidimento e Controventamento delle Coperture! 

Abbiamo visto negli scorsi articoli tre interventi da mettere in cantiere per migliorare il comportamento dei nostri edifici in muratura all’evento sismico: “Migliorare la Qualità Muraria”, “Migliorare il Collegamenti tra i Muri”, “Irrigidire e Ancorare ai Muri i Solai”.

Un ultima cosa di cui occuparsi è la copertura del nostro Edificio. Come abbiamo già accennato nel precedente articolo riguardante i solai, realizzare un nuovo tetto in calcestruzzo armato al posto del preesistente in legno, non è una buona idea! In effetti questo tipo di intervento è stato utilizzato molto frequentemente negli scorsi anni ma si è visto, a seguito degli ultimi eventi sismici, che non solo non ha migliorato il comportamento sismico dell’edificio ma, addirittura, lo ha peggiorato, soprattutto  dove non si era intervenuti contemporaneamente sulle murature e sui suoi collegamenti.

Quindi, lasciamo i nostri bei tetti in legno e vediamo quali sono gli interventi da realizzare per completare la nostra ristrutturazione antisismica. Nelle immagini che seguono potete vedere gli effetti che un tetto in legno produce sulle murature a seguito di un terremoto.

Le travi del tetto “martellano” le pareti lesionandole fino a farle crollare come nel caso sottostante.

In primo luogo, con lo scopo anche di migliorare il collegamento dei muri, occorrerà realizzare in sommità, come coronamento, un cordolo a cui agganciare tutte le travi. Quello di agganciare le travi è un aspetto molto importante, in quanto, durante la scossa di terremoto, queste si possono sfilare dai muri producendo il crollo del tetto.

A seconda del caso specifico, il cordolo può essere realizzato in diversi modi e materiali:

  • in cemento armato, solo nel caso di altezze limitate per evitare eccessivi appesantimenti ed irrigidimenti
  • in muratura armata, consentendo di realizzare il collegamento attraverso una tecnica volta alla massima conservazione delle caratteristiche murarie esistenti
  • in acciaio, rappresentando una valida alternativa per la loro leggerezza e la limitata invasività, prestandosi particolarmente bene al collegamento delle travi di legno della copertura

Nell’immagine sottostante potete vedere un disegno schematico di come si realizza un cordolo in muratura armata.

A questo punto non rimane che irrigidire il nostro solaio di copertura. Questa operazione può avvenire in diversi modi, in funzione anche del livello di miglioramento sismico che si vuole ottenere:

  • da sopra, all’estradosso, con tavolati in legno semplici o doppi, controventi diagonali in lamine metalliche o materiali compositi, soletta in calcestruzzo alleggerito collaborante
  • da sotto, all’intradosso, con tiranti metallici

Nell’immagine sottostante potete vedere un caso di irrigidimento “estradossale” con bandelle metalliche messe in diagonale a controventare,

mentre, nella seguente, il caso di controventamento “intradossale” con tiranti metallici.

BENE! Non voglio stancarvi oltre, anche per oggi ci fermiamo.

Se volete saperne sempre di più e diventare così dei MINI ESPERTI, Continuate a seguirci!

Potete trovare tutti gli articoli pubblicati sulla nostra: PAGINA DEL BLOG.

VI ASPETTO!

Vi ricordo che se aveste dei quesiti da porre potrete formularceli contattandoci attraverso:  FORM CONTATTI.

Se invece vi necessita una consulenza tecnica siamo a vostra disposizione. Consultate i nostri servizi: “Assistente in un click” e “Sisma Bonus”.

Visitate il nostro Sito per conoscere “Tutti i Servizi”  di cui potrete avvalervi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*